Cerca
  • Sabina Moscatelli

Sfruttare la digitazione vocale

Nei miei corsi la digitazione vocale è sempre accolta con grande sorpresa (Ohh!), dato che in molti ancora ne ignorano l'esistenza, cui segue l'apprezzamento (Ahh!) quando la si vede in azione. Di seguito alcune idee per impiegarla con successo in classe


Come si attiva?

Basterà andare in Strumenti > Digitazione vocale e selezionare la lingua. Comparirà un microfono. Premere l'icona e via, si comincia!


Risparmiare tempo

Tutti noi (o quasi, almeno) parliamo più velocemente di quanto scriviamo alla tastiera di un PC e ciò vale anche per coloro che non se la cavano malissimo. La digitazione vocale consente di risparmiare parecchio tempo. Pensiamo per esempio alla stesura di verbali, relazioni, articoli o altra documentazione che ci sia richiesta.


Studenti più piccoli

Anche i più piccoli, coloro che non sanno leggere o sono solo all'inizio del loro percorso scolastico, hanno storie straordinarie da raccontare. Con la digitazione vocale possiamo dare loro la possibilità di mettere per iscritto le bellissime avventure di cui vogliono renderci partecipi, esprimendosi in piena libertà e senza fatica.


Imparare la punteggiatura

La digitazione vocale può diventare un alleato utile per andare alla scoperta della punteggiatura e del suo uso corretto. Rileggendo il testo privo di segni di interpunzione, lo studente dovrà necessariamente soffermarsi sul proprio elaborato e inserire la punteggiatura.


Studenti con difficoltà di letto-scrittura

Gli studenti che presentano disturbi tipo dislessia o disgrafia possono utilizzare la digitazione vocale per esprimersi al meglio e senza barriere.


Lingue straniere

E qui arriva un'attività che mi sta particolarmente a cuore: Google Documenti supporta la dettatura in numerose lingue straniere. Volete verificare le vostre conoscenze in inglese o di tedesco? Provate a dettare. Questa proposta è utile anche per gli studenti che abbiano da svolgere un’attività orale in lingua straniera. Non solo possono dettarla, accertandosi che sia corretta la pronuncia di ciò che stanno dicendo, ma possono anche fare un’ulteriore prova del nove. Traducendo (Strumenti > Traduci documento) il testo prodotto in inglese o nella lingua studiata, sapranno se le frasi sono comprensibili o se le strutture sono completamente sbagliate e richiedono una sistematina.


Va da sé che questo processo è adattissimo anche per gli studenti per i quali l'italiano non sia (ancora) la lingua madre. Ritraducendo dall'italiano alla propria lingua di origine, avranno la possibilità di verificare in autonomia la correttezza e la precisione dei concetti che hanno espresso.




324 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti