Cerca
  • Sabina Moscatelli

L'intestazione di Classroom

Aggiornato il: 23 ago 2020

Un'occasione didattica + modello scaricabile per iniziare

Chiunque lavori in una scuola dotata di GSuite, ha accesso a Classroom. Sebbene inizialmente il suo uso possa sembrare complicato, in realtà si tratta di una piattaforma molto potente per gli insegnanti che consente di gestire con grande agilità il "flusso" di un'aula digitale. A dire il vero, io l’ho sempre usata anche prima del Covid, perché trovo sia lo strumento ideale per mantenere ordine nei propri materiali: crea una cronologia di ciò che abbiamo prodotto e inviato alla classe, è facilmente ricercabile ed è immediata anche per gli studenti più giovani. Insomma: è trasparente, semplice e sicura.

Torniamo a noi, però. Nella parte superiore di ogni Classe compare un'immagine, assegnata automaticamente al momento della creazione. Questa è l’intestazione, che possiamo personalizzare, trasformandola in uno strumento che aiuta i docenti e gli studenti più piccoli (o con disturbi dell'apprendimento) ad associare visivamente questa classe alla nostra lezione.




Spingendoci oltre, personalizzare l’intestazione può diventare un modo appassionante per condividere la nostra creatività e illustrare il contenuto che intendiamo condividere. Ricordo che Classroom può essere utilizzata anche per lezioni non curricolari. Possiamo creare tutte le Classi di cui abbiamo bisogno: per il circolo di lettura, per il cineforum pomeridiano, per i corsi di potenziamento, per le gare sportive, per il corso di teatro. Insomma, ogni occasione è buona per farne un momento di apprendimento condiviso.

Molti insegnanti creano l’intestazione all'inizio dell'anno e la lasciano poi così, senza modificarla, il che va benissimo, perché consente di creare una routine riconoscibile, appunto.

Ma possiamo fare di più.

Perché non affidiamo agli studenti la creazione dell’intestazione?

1) Possiamo utilizzarla come attività di inizio anno, che consenta loro di familiarizzare con PC e tastiera, con la massima libertà. Possiamo proporre di lavorare insieme alla creazione di un'intestazione condivisa, che gli studenti sentano propria - e magari questa attività può essere preceduta da una discussione sui temi che affronteremo. L'intestazione sarà il momento di sintesi.


2) Se l’attività viene svolta durante l'anno, può trasformarsi in una modalità di valutazione informale, anche delle loro competenze tecnologiche. Come vedremo, si tratta di un compito semplice, che ci consente però di incoraggiare creatività e collaborazione. Ancora nell’ottica della valutazione informale, possiamo fornire agli studenti istruzioni precise su come realizzare l’intestazione e accertarci che abbiano eseguito l'attività correttamente. Se si creano più classi, le linee guida sono utili per fornire una struttura che consenta di separare una classe da un’altra. Dare agli studenti libertà d'azione sulla grafica consente naturalmente la massima espressione creativa.


3) Per le classi di nuova formazione, è il trampolino di lancio per la formazione di un gruppo classe coeso, un laboratorio per osservare l’interazione tra gli studenti.

Ma il meglio deve ancora venire.


Non è un’attività una tantum, questa. Possiamo ripeterla a ogni trimestre/quadrimestre oppure per unità didattica.


4) Un’altra idea: utilizziamo a rotazione quanto creato dagli studenti. Saranno certamente orgogliosi di trovare la loro creazione che fa bella mostra di sé nell’intestazione. E forse saranno persino più motivati a entrare nell'ambiente Classroom.


5) Con gli studenti più grandi, l’intestazione può fungere da bacheca letteraria: scegli una citazione dell’autore che stiamo esaminando e collocala in bacheca.

A questo punto vi starete dicendo: sì, bello, brava, ma COME si fa? Semplicissimo. Ho creato un modello che potrete scaricare e utilizzare con le vostre classi. Un avvertimento: l'intestazione in Classroom viene ridimensionata automaticamente in base al dispositivo su cui viene visualizzata e alcuni dei progetti potrebbero non essere visualizzati completamente. Non lasciatevi prendere la mano. Non serve avere chissà quali opere d’arte o equilibrismi di bitmoji, nell'intestazione. Lasciamo spazio anche alla creatività ugualmente espressiva dei più piccoli.

Ecco il MODELLO, insieme ad alcuni suggerimenti e informazioni specifiche sul "come fare". Facendo clic sul link entrerete nel modello. Selezionate la voce di menu File e poi Crea una copia.

Se desiderate che i vostri studenti creino un'intestazione, ora che avete la vostra copia, convidetela in Classroom utilizzando l'opzione "Crea una copia per ogni studente" (o gruppi di studenti) e lascia che si sbizzarriscano!

A me piacerebbe vedere l’esito di queste attività. Se avete voglia, potete lasciarle nel mio profilo Facebook o su Twitter.

Buona fantasia a tutti!

1,332 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

©2020 - La Teacher Digitale