Usare Moduli in classe e nella didattica mista

Consegna di elaborati digitali

Quando assegniamo agli studenti un lavoro di tipo digitale usando uno strumento come Google Doc, Google Presentazioni o altro ancora, possiamo prevederne la consegna mediante un Modulo di Google. In questo modo si genera un archivio organizzato di file, a cui possiamo accedere facilmente e non dovremo più rincorrere le email mancanti né andare alla ricerca di documenti condivisi. Tutto sarà disponibile in maniera ordinata e facilmente accessibile dalla schermata di Moduli.

Inoltre, Google Moduli inserisce automaticamente data e ora su tutti gli elaborati ricevuti, il che consente di sapere esattamente chi ha consegnato il compito e quando.

Per consentire il caricamento del compito da Google Drive o dal proprio computer, creare un modulo e selezionare “Caricamento di file" come tipo di domanda

NOTA - questo metodo crea una copia del documento di Google a cui si accede. Se gli studenti modificano dalla loro parte, non cambierà il documento creato dall’insegnante. Questo può funzionare alla grande se si sospetta che gli studenti "consegnino" il loro lavoro, ma continuino a modificarlo dopo la data di scadenza. Se gli studenti stanno consegnando un elaborato online, possiamo selezionare "Risposta breve" come tipo di domanda: dovranno semplicemente incollare il link web nel modulo e inviare.

 

Questo funziona anche per qualsiasi file di Google App su cui i vostri studenti stanno ancora lavorando. Incollare il link 'Condividi' nel Modulo vi darà accesso, ma permetterà loro di continuare a modificare e aggiornare il loro lavoro.

 

Naturalmente gli studenti dovranno accertarsi che le impostazioni di condivisione sul loro file siano impostate su "chiunque abbia un link può visualizzare" o, ancora meglio, "chiunque abbia un link può modificare". Questo vi permetterà di aggiungere note al loro lavoro, che potranno poi accedere e vedere subito.

Strumento di monitoraggio

Le informazioni sono importanti! I dati ottenuti dal monitoraggio dei nostri studenti sono utili per decidere come aiutarli al meglio e intervenire tempestivamente in caso di necessità. Dobbiamo ammettere però che talvolta, presi come siamo dalla gestione ordinaria delle nostre attività, è difficile fermare lezioni e spiegazioni per fare il punto.

Per prima cosa dobbiamo creare un Modulo per ciascuno studente che stiamo osservando e poi inserire l'opzione della “Casella di controllo” per realizzare un elenco delle voci che vogliamo monitorare – siano esse relative al comportamento, agli obiettivi di apprendimento o ad altro ancora.

Per visualizzare i dati, cliccare sulla scheda "Risposte" in alto. Poi cliccare sul quadrato verde vicino all'angolo in alto a destra dello schermo. In questo modo si genererà un foglio di calcolo con tutti i dati inseriti.

Istruzioni passo passo

Qualche volta le attività più complesse possono mettere in difficoltà gli studenti. In questi casi può risultare utile suddividere il compito assegnato, fornendo istruzioni passo per passo. Google Moduli è un ottimo modo!

 

Iniziate con il vostro titolo e chiedete agli studenti di inserire nome e cognome. In questo modo sarà semplice gestire i loro dati. Per ogni passo delle istruzioni, create una sezione a parte, cliccando sul simbolo che assomiglia a due linee parallele.

In questa nuova sezione, inserite tutte le indicazioni e le domande per il primo passo. Quindi cliccate per creare una seconda sezione e così via.

Gli studenti vedranno solo una sezione alla volta e avranno a disposizione il pulsante 'Successivo' per passare alla sezione successiva. Avranno anche la possibilità di tornare "indietro" ad una sezione precedente, se necessario.

 

Inoltre, all'interno di una sezione, insieme alle istruzioni, è possibile aggiungere immagini o incorporare video, ma anche domande. Il modello è disponibile qui.

Aiuto per migliorare il metodo di studio

La riflessione puntuale sul metodo di studio rappresenta uno strumento importante per motivare gli studenti nel loro percorso. L'utilizzo di Moduli agevola questo approccio e darà agli studenti (e a noi) un accesso veloce a dati preziosi.

 

Per prima cosa, occorre creare un Modulo per ogni studente coinvolto nell'attività.  L'accesso deve essere personale e privato, in modo che nessun altro studente della classe possa vederlo. Quindi assegneremo il link solo all’interessato/a.
La prima domanda potrebbe essere un breve paragrafo in cui lo studente definisce il proprio obiettivo per la settimana, il mese, il trimestre, la materia - dipende da noi.


Sotto la domanda sugli obiettivi, aggiungere un altro breve paragrafo che li spinga a riflettere su come stanno raggiungendo il loro obiettivo prefissato.

A quel punto possiamo inserire le caselle di controllo di ciò che i nostri studenti dovrebbero attuare per migliorare il proprio rendimento: svolgere regolarmente i compiti a casa, prestare più attenzione in classe, limitare il tempo trascorso sul telefono, prendere appunti e riordinarli, studiare con un compagno o altro ancora.

 

Ogni volta che uno studente compila il modulo e lo invia, avremo la possibilità di visualizzare i suoi progressi e di discuterne insieme.

Creazione di un portafoglio digitale

Noi o gli studenti possiamo creare un portafoglio digitale dei loro lavori. Per l'insegnante, è un ottimo modo per seguire i progressi e mantenere una raccolta precisa dei compiti, sotto forma di dati.

Per prima cosa, compiliamo un Modulo per ogni studente. Scegliere "Caricamento file" come tipo di domanda. Ciò permette a voi (o ai vostri studenti) di caricare qualsiasi file dal computer o da Google Drive.

 

È anche possibile digitalizzare e raccogliere copie cartacee dei lavori degli studenti scannerizzandole e caricandole sul Modulo. Ancora più facile, è possibile utilizzare un'applicazione di scansione direttamente sul telefono - funzionano benissimo. Per esempio, io uso iScanner.

 

Creiamo una copia per ogni studente. Selezioniamo "Caricamento di file" come tipo di domanda. I link al lavoro digitale possono essere inviati da un Modulo con la domanda "Testo breve". I testi possono invece essere inseriti direttamente nella domanda “Paragrafo lungo”.

Personalizzazione dei percorsi

Come facciamo a sapere quali studenti nostra classe hanno bisogno di un aiuto extra e a individuare chi è pronto per un potenziamento? Il monitoraggio quotidiano dei progressi degli studenti è importantissimo, ma non deve essere complicato né richiedere troppo tempo!

In primo luogo, creare un Modulo con poche domande a scelta multipla incentrate su un particolare obiettivo di apprendimento. La cosa migliore è creare sei-otto domande.

Dobbiamo concentrarci su un solo obiettivo, o anche solo su una parte di esso. Ci interessa sapere esattamente quali sono le competenze o le conoscenze che gli studenti possiedono oppure no. Quindi le domande devono essere molto mirate.

Se ci sono poche domande, la mancanza di una sola di esse peserà eccessivamente sul loro voto (che è quello che si intende utilizzare per differenziare). Un numero eccessivo di domande richiederebbe troppo tempo agli studenti, mentre nel nostro caso cinque minuti devono bastare. Inoltre, più domande non fornirebbero ulteriori dati utili.

Se le domande sono focalizzate su un singolo obiettivo, gli studenti sapranno o non sapranno. Gli studenti eseguono la valutazione, Moduli la valuta, noi raccogliamo i dati.

Per visualizzare i risultati, andremo come sempre nella scheda “Risposte”. Poi cliccate sulla piccola scatola verde in alto a destra. In questo modo si aprirà un Foglio di calcolo con i dati.

Cliccare con il tasto destro del mouse sulla colonna "Punteggio" e scegliere "Ordina foglio A-Z" per organizzare in ordine dal punteggio più basso al più alto.

Ora possiamo vedere a colpo d’occhio chi nella nostra classe ha bisogno di una nuova spiegazione.

Torna al post del blog

©2020 - La Teacher Digitale